Schianto Cessna, i defunti lavoravano per Apple

Condividi questo articolo!
0

Venerdì pomeriggio l’aereo caduto a Roma, in zona Ardeatina, che è attualmente il fulcro delle vicende di cronaca nera, era collegato alla Apple. I due defunti, infatti, erano intenti a effettuare dei rilievi fotogrammetrici per la Apple. Il pilota Alfred Segariol, di 50 anni, e il passeggero e operatore Antonio Savoldi, di anni 39, erano dipendenti della Rossi srl, che rifornisce il colosso americano. La notizia ha immediatamente scatenato il cordoglio della Apple.

Il Cessna 402 B era decollato da Montichiari, vicino Brescia, e andava in direzione Roma per effettuare dei rilievi fotografici per conto dell’azienda di Cupertino, che stava iniziando a sviluppare le prime mappature per la nuova applicazione, che dovrà andare a sostituire Google Maps. Con un comunicato rilasciato tramite i propri portavoce l’azienda della Mela ha espresso il proprio cordoglio confermandosi shockati per la notizia oltre che addolorati per la tragedia accaduta in Italia. Alle famiglie delle due vittime vanno i pensieri dell’azienda, che ora dovrà, però, riprendere i lavori di mappatura e ripetere lo stesso procedimento, sperando che la tragedia non faccia da deterrente ad altri operatori e piloti nell’avviare il lavoro. A pochi giorni dalla presentazione del nuovo iPhone che dovrebbe montare il sistema Mappe tale tragedia non è un buon biglietto da visita.

Lascia un commento

Scrivi la tua opinione riguardo l'articolo "Schianto Cessna, i defunti lavoravano per Apple"

© 2012 iPhonari.it  -  P.IVA IT10463580018  -  Chi siamo   Privacy policy   Cookie policy   Contatti